Ecco alcune composizioni di Mario che dedideriamo condividere con voi, ma non solo, vogliamo condidividere anche alcune composizioni di chi, ispirandosi alla poetica di Mario, ha voluto raccontare il creato in versi:

Confronto

Sera.
Fra l’alito fine del vento
echeggian per la via dei passi,
agili passi di un uomo.
Già corre il suo cuore,
felice,
soddisfatto,
verso casa.
Uniformi
lenti
pesanti
in un sol suono,
altri passi.
Nelle tenebre….
Un uomo privo di mèta.
Segue il destino.
Solo una luce
tenue
di speranza,
rischiara il cammino.
Nel silenzio
si ricorda la vita,
la giovinezza:
tutti uguali allora.
Seguon così
il destino,
lenti e svelti passi.
Così è stato
ma tutto è distrutto dal tempo:
desiderio d’essere ancora giovani.
Ora il silenzio
anima la fantasia
e nella piccola luce
due sguardi s’incrociano:
un’intesa fra uomini.
Rinasce l’amore.
“Vieni con me tu
che erri;
viva ancora il tuo cuore”.
In alto,
nel cielo perlato,
due stelle…..
un’unica cosa.
Come due uomini
sono un’unica vita.

Mario Giuseppe Restivo

LA VITA DI UNA ROSA

da “La mia aurora”

Un bel mattino, risvegliandosi una rosa
ringrazia il sole, ma di cosa?
“Ti ringrazio, oh sole, per avermi risvegliata
e pei bei coloro che m’hai donato”.
Or la rosa è felice
e Iddio che l’ha creata
la benedice.
Corron i bimbi e guardan la rosa:
Oh com’è bella ed odorosa…!
Così ammirando la sua beltà,
la strappan via con gran felicità.
Quasi morta ormai è la sua vita:
la vediamo infatti sola ed appassita.
Questo purtroppo il suo destino
che a quello dell’uomo sta vicino.

Mario Giuseppe Restivo

Preghiera

Signore, dammi sempre un inizio,
dammi soprattutto la morte che lo precede,
aiutami a educare all’amore
le persone che m i stanno attorno.
Dio, guidami sulla strada del ritorno,
affinché la mia casa divenga la tua casa,
la mia vita diventi la tua vita.
E, quando sono solo, Signore,
quando a sera busso alla porta di qualcuno
e nessuno mi dà risposta,
ricordati di me e rendimi capace di sorridere.
Nel mio cuore, Signore,
troverò il posto perle mille vite dell’universo.
Fa ’ che il tuo servo abbia il coraggio di uccidere
le sue maschere. Amen.

Mario Giuseppe Restivo

RINASCO NEL SOLE

da “La stagione dell’incontro”

Dalla tristezza dell’inverno
è nato il sole
ad aprire nuovi orizzonti
sulla mia vita.
Perderò il mio sguardo
lontano dalla luce,
per trovare la forza di vivere,
la forza di amare.
Immergerò il mio corpo
nel caldo abbraccio dei raggi,
per scioglierlo in mille folgori.
Vivrò l’intensità del tramonto
e sarà per me
una nuova alba.

Mario Giuseppe Restivo

VERDE NATURA

da “La Mia Aurora”

Il sole all’orizzonte era già spuntato
e il mio corpo, inerte, n’è rimasto abbagliato.
Tutto questo per poco e poi s’è riaddormentato.
Negli occhi, però, è rimasta tenue la luce
che alla natura a pensare m’induce.
Si, tutto verde intorno
un verde col quale in me ritorno.
E mi ritrovo cullato dalla brezza
che una foresta avvolge con dolcezza.
Intorno, oh qual meraviglia !
Un luccichio come perla di conchiglia
che, sotto il nome di rugiada, tutto invade.
Più in là, vicino ad un ruscello,
cresce rigoglioso un alberello
che, con la sua fronda, offre alloggio ad un uccello:
ritratto di bontà
che esempio all’uomo dà.

Giù, per la collina, fan bella mostra i fiori
che forman tappeti multicolori.
Accanto ad essi sta l’odoroso timo
che invita una pecora col suo agnellino:
ritratto d’amore
che scuote ogni cuore.
Più giù ancora c’è un fusto, al vento abbandonato;
finalmente anche questo ha germogliato.
Ha germogliato il ramo della vita
che gli altri semi a crescer invita.

Gli occhi miei scorgon anche una cascata,
quella sì d’acqua pura e non intossicata.
Ancor qualcosa offre questo bel sogno:
tra l’erba, infatti, insetti a non finire
che mi rapiscono fin all’imbrunire.
E’ un imbrunire un po’ particolare
col quale, tutto scompare.
E’ la disfatta della natura
ormai rarefatta.

Mario Giuseppe Restivo

Oh Stella!

Mille le luci
nel buio dell’infinito….
Ma io ti riconosco
oh stella
perché nelle notti senza luna
tu brilli per me.
E quando ti guardo,
solo nel paesaggio notturno,
il tuo splendore
s’impadronisce di me
a cancellare le mie incertezze.
Allora
nella notte
tu sei tutto per me.
Oh Stella,
come vorrei brillare con te
lassù, sospeso nel mondo….

Mario Giuseppe Restivo

Devo andare

“Ho sempre sognato
lunghe passeggiate
in riva al mare,
la sera
e cieli più sereni.
Ma la gioia
non si concede
al primo venuto,
la gioia
porta con sé
il silenzio
e già il pensiero
incombe sulla mia voglia
di non pensare a dopo.
E’ gia tardi,
devo andare.”

Mario Giuseppe Restivo

E’ Sera

Come sempre ho camminato
passo a passo col sole
e sono arrivato esausto
tra i sassi
dell’orizzonte quotidiano.
Mi ha raccolto la terra
nel suo abbraccio di madre
e mi ha visto
come povera cosa:
mi sono sentito umiliato
di fronte alla terra.
Altre volte mi è bastato
un sorso d’acqua
per dimenticare
la mia disperazione
ma oggi
non sono riscito a costruire
la mia tenda di silenzio
dove ho ritrovato me stesso
ogni notte
(L’acqua è scivolata via
su un’arida roccia).
Sono rimasto col mio dolore,
col frastuono
dei giorni trascorsi,
con le mie lacrime amare.
E un abisso ha inghiottito
il mio cuore,
un abisso di pietà
per me, povero essere
dimenticato da tutti
sulla drammatica scena
dell’esistenza umana.
Dov’è la gente
che avrei dovuto incontrare
sulla mia strada?
Soni rimasto io solo
accanto a questo sole
che scotta,
io con la mia anima,
a pezzi
accasciato su un fazzoletto di terra
sporco di sudore.
(Spero che non sia
una scena inutile
sprecata in un teatro
da quattro soldi).
Comunque so che domani
riprenderò la mia strada.

SERVO di DIO Mario Giuseppe Restivo
24/1/1963 – 19/8/1982

Ricordati

Era già l’alba, rosea, colorata,
quando in una casa tu,o bambina, sei nata.
Nuovo ritratto d’intima beltà.
accolto a schiera con gran felicità.
Così alla tua vita è accorso un destino
che spero sia felice e non meschino.
Si, felice! ma il dolor deve pur abbracciare
perché agli anni tuoi un valor devi pur dare.
Ricorda ancora…che così sarai felice
Insieme al buon Dio, che dall’alto ti benedice.

Mario Giuseppe Restivo

SA DI SILENZIO

da “La stagione dell’incontro”

Sa di silenzio
quest’acqua pallida
d’immota luna
come immoto è l’uomo
nella sua mestizia
e spera e crede.
Non piango
il mio destino
ho imparato
su una spiaggia
ad accettare il mio dolore
consumato tra i sassi
al tempo delle onde.
Per ciò mi son concessi
attimi e ricordi
e aspetto che si dissolvano
tristi memorie urbane:
assaporo l’odore
acre e primitivo
del sale.
Ricordo il dolce mormorio
d’un canto greco
i momenti in cui
sono stato
come oggi sono
qui seduto
a pensare:
l’ombre di me
m’assale.
Ho per cuore
un oceano
sereno e sconfinato
e ho lasciato di nascosto
ad un angolo di strada
la mia maschera consunta.
Annego in questo
mare.

Mario Giuseppe Restivo

NOTTE DI LUNA

da “In cammino”

S’apre nel cielo
incerto
un pallido chiarore;
nasce nell’aria,
imbevuta ancora d’azzurro
una forma:
la luna.
Un astro,
un satellite,
ma per me vive.
Racchiude ancora
lieve
il sussurro dell’onda
che cullò i suoi raggi;
il grido di speranza
degli uomini
nella notte ….
Lo spontaneo canto
dell’usignolo;
le argentine note
di un ruscello.
La giallognola luce,
quasi smorzata,
ricorda ancora
rami di salici
dolcemente accarezzati
dalla luna ….
Ancora un nuovo volto
di madre natura
basta poi una nuvola,
una nera nuvola,
a cancellare
miseramente
il pio chiarore:
come un bel sogno
che presto svanisce.

Mario Giuseppe Restivo

Partenze

“Vivo giorni
di sofferte partenze
e mi son detto addio
ad ogni angolo
di strada.
Oggi il silenzio incombe
su chi s’illude gioia
e ruba ad ognuno
le sue ultime parole.
Ad ogni nuovo sole
attendo il mio ritorno
afflitto dai ricordi
delle mie stagioni.”

Mario Giuseppe Restivo

Non solo Mario….

Ecco alcune composizioni proposte dai nostri soci, volontari, simpatizzanti…

LA PAZIENZA

Signore, è la pazienza forse
il dono che più ci manca:
pazienza davanti ai tuoi silenzi,
pazienza per le tue assenze
e i tuoi ritardi,
pazienza per le moltissime cose
che non capiamo.
Signore, fà che non perdiamo
anche la poca pazienza che resiste.
Ma per quanto saremo pazienti con te
mai lo saremo quanto Tu lo sei
con noi, o Signore.
E allora torniamo come l’uomo
del campo di un tempo
che seminava e poi attendeva
il giro delle stagioni,
l’avvicendarsi delle pioggie e del sole.
Così attenderemo pure noi
i segni della tua venuta.

David Maria Turoldo

La trama dei giorni

Come in un tappeto
i mille e mille nodi
compongono le forme
dai colori accesi o più pacati,
così nella vita ogni incontro,
lasciando una traccia,
s’insinua nell’esperienza
componendo armonia o dissonanza,
tanto da cambiare il senso delle cose.
Librandomi col pensiero,
sul mio tappeto volante,
lo spazio e il tempo
sembrano dilatarsi
superando l’angustia del finito,
chiuso in sé stesso
per attingere a dimensioni
senza confini,
di beatitudine
cosmica.

Renata Mancuso 24/4/2004 – 13/1/2024

Lentezza

Guardare la lentezza
della natura fa bene
fa bene perché
ci immerge
nel ritmo, nel respiro
di una vita vera,
quella che non
perde nulla,
quella che se anche
arriva una ghiacciata
ha il coraggio di rialzarsi,
di una terra che si gira
e si trasforma.
Anche quando sembra
morta, la natura
torna “humus” terra,
concime e…riparte.

Don Luigi Verdi

Dai anche tu un contributo!

Se anche tu come Mario, vuoi condividere una poesia, un testo, una prosa che racconti il creato, invia il tuo componimento alla mail mariogiusepperestivo@gmail.com provvederemo a condiverlo in questa sezione del sito!

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e per aiutarci migliorare il nostro sito. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookies in caso contrario è possibile abbandonare il sito View more
Accetto